top of page

MONICA FAGGIANI

ATTRICE - DRAMMATURGA

MILANO

Biografia


Si diploma nel 1992 all'Accademia dei Filodrammatici di Milano. Perfeziona la sua formazione con Leo De Berardinis, Federico Tiezzi, Andrea Taddei, Walter Malosti, Elio De Capitani, Peter Clough. Lavora con molti tra i più importanti registi italiani: Sergio Maifredi, Guido De Monticelli, Renato Carpentieri, Marco Baliani, Antonio Latella, Matteo Tarasco, Antonio Sixty, Nanni Garella, Franco Branciaroli, Giulio Bosetti, Massimo Navone, Arturo Di Tullio, Manuel Renga, Cristina Pezzoli, Fabio Banfo, Luigi Guaineri, Alessandro Castellucci, Stefano Cordella, Paola Galassi, Dario Merlini, Alberto Oliva. È interprete del film Si può fare, per la regia di Giulio Manfredonia. Partecipa alla fiction Cuori rubati e alla sit-com Via Verdi 49.

È tra le protagoniste della web-serie Rajel prodotta da Oltre l’orizzonte - Contro-narrazioni dai margini al centro. Dal 2020 è docente di Scrittura creativa per la Scuola di Teatro Factory32. Laureata in Psicologia e diplomata Counselor teatrale, è attualmente impegnata in progetti di Coaching e di Formazione aziendale. È socia fondatrice di Amleta, dove si occupa principalmente di rappresentazione e narrazione del femminile oltre gli stereotipi di genere.

SINOSSI - QUEL CHE RESTA




L'idea nasce da una riflessione sul mobbing che l'autrice/interprete del progetto sta portando avanti da diversi anni. I dati statistici ci raccontano come questo fenomeno sia in largo aumento e come spesso le vittime non ne siano neanche consapevoli. Questa è una storia di ordinaria follia, come ce ne sono tante, spesso sommerse dall'abitudine e dalla difficoltà di parlarne. E invece queste storie bisogna raccontarle. E poi combattere. Questa vicenda legata al mobbing viene inserita all'interno di relazioni più ampie in cui si giocano dinamiche di potere. Perché si entra in queste dinamiche? È possibile uscirne? Con lucido disincanto e potente ironia, la protagonista cerca di rispondere a queste domande lasciandoci entrare alla sua storia, raccontandoci come ne è venuta fuori e, soprattutto, testimoniando come il mobbing sia una possibilità che può toccare chiunque. Momenti lirici si alternano a momenti di crudo racconto sulle modalità - e sulle conseguenze - del mobbing. E poi ci sono i (numerosi) momenti di comicità, in cui la protagonista si diverte a prendere in giro se stessa, le illusioni e le fragilità del nostro tempo. Si parla e si ironizza sull'amore, sulle speranze per il futuro e sulla capacità di riappropriarsi del proprio destino. La storia di Candy Candy, una semplice fanciulla che diviene Regina degli inferi, è un inno al coraggio e al cambiamento. Il mito di Persefone accompagna la protagonista in un lungo viaggio che parte dal mondo delle fiabe della sua infanzia e arriva all'età adulta, quella in cui matura la consapevolezza delle sue scelte. Uno spettacolo in cui è facile immedesimarsi e che fa riflettere su come sia possibile cambiare ciò che di noi (e della nostra vita) spesso consideriamo impossibile cambiare. 




SINOSSI - AAA CERCASI...




La scena è vuota. Troneggia un microfono solitario che ci trasporta in un’atmosfera anni ’50, ricordandoci la signora Maisel e la sua straordinaria comicità. Una donna elegante arriva sulle note pop di Non sono una signora e inizia a raccontare. E, soprattutto, a raccontarsi. È una madre alle prese con il figlio adolescente e con la trasformazione di un dolce pargoletto in un novello maschio bianco eterossesuale e cisgender. È una madre femminista che non accetta di cadere - cadendoci - in tutti gli stereotipi di genere che da sempre combatte. In bilico tra ironia e tenerezza, Monica Faggiani mina tutte le certezza legate all’educazione dell’amatissimo figlio. Con disincanto e con lo sguardo lucido, ci racconta quanto sia inutile (e dannoso) inseguire l’ideale della mamma perfetta. Di più, dice come sia possibile giocare con i propri errori e con le proprie fragilità con una giusta dose di ironia e di incoscienza. Lo stile è quello della stand up comedy, dove si dissacrano tutti i cliché del nostro contemporaneo e si ride, fino alle lacrime, di questa madre che in fondo, come tutte le mamme, vuole solo che il proprio bambino resti per sempre innamorato di lei.

Un testo graffiante che, dalle manifestazioni femministe degli anni '70 a oggi ripercorre, tra autodeterminazione e cliché, il cammino di una donna alle prese, con i drammi della vita.

Drammi che, se osservati da una nuova prospettiva, diventano potentemente comici.





SINOSSI - A PROPOSITO DI LEI




Francesca è una docente universitaria di successo. Beatrice una weedding planner tra le migliori. Quando quest’ultima scopre che un suo ex amante ha avuto una relazione con Francesca, riversa su di lei tutta la sua rabbia, trasformandosi in una stalker perfetta. L’esistenza di Francesca ne sarà sconvolta:

con un inganno, Beatrice riesce a incontrarla e a entrare nella sua vita: ne nasce una relazione profonda in cui Francesca resta all’oscuro dell’identità dell’altra. Con un colpo di scena, sarà Beatrice a rivelarsi, spiegando i motivi che l’hanno spinta ad agire in quel modo. Il testo attraversa le luci e le ombre della psicologia femminile: il pubblico può via via identificarsi con le ragioni ora dell’una ora dell’altra.

Le autrici spostano il focus su una tematica scomoda e spinosa, donne che odiano altre donne: ce la fai ad ascoltare una rivale che ti ha ferito? Ed è proprio attraverso l’odio che Francesca e Beatrice riusciranno ad attribuire alla parola sorellanza un significato nuovo.

bottom of page